Jumbo Headline!

Got something important to say? Then make it stand out by using the jumbo headline option and get your visitor’s attention right away.

Ray Ban Vintage

Una Hollywood in festa, e non solo, rende merito all’attrice americana che in questi anni ha saputo sorprenderci e farsi apprezzare per i suoi innumerevoli lavori.A quasi sessant’anni, canta e balla come una indiavolata le canzoni degli ABBA, scritte e interpretate nei mitici anni Settanta, quando Meryl Streep, strepitosa protagonista del musical Mamma mia!, stava affinando il metodo dell’Actor’s Studio. Sarà per questo motivo che nel film di Phyllida Lloyd sembra avere l’argento vivo addosso, come quando battagliava con Roseanne Barr in She devil, una vera diavolessa che le rovinava la vita. Oggi, Meryl Streep detiene il record di nomination all’Oscar (ben quattordici con due vittorie) e, se nella seconda metà degli anni Novanta la sua stella iniziò ad oscurarsi, è riuscita a rilanciarsi ulteriormente negli ultimi anni, partecipando a piccoli gioielli come The Hours e Il diavolo veste Prada.Oggi Meryl Streep può essere considerata come l’attrice più importante e significativa della storia recente del cinema: non bellissima ma di un talento cristallino che, negli anni, è riuscita sempre di più ad affinare e valorizzare.

Possiamo fare invece qualche considerazione sugli utili che si assestano sui 9,6 miliardi di dollari, facendo segnare un calo del 17 per cento rispetto agli 11,6 miliardi del 2012. Si tratta del primo calo di utili da 10 anni a questa parte ma, considerando il buon andamento delle vendite e l’incremento di fatturato, questo calo semplicemente l’evidenza della riduzione del margine lordo, passato dal 47,4 al 37,5 per cento. Per limitare gli scossoni di questo dato, Apple ha deciso di incrementare la quota del dividendo da distribuire agli azionisti, anche perch le previsioni per il prossimo trimestre sono ancora sottotono: un fatturato tra i 33,5 e i 35,5 miliardi di dollari (nel 2012 erano stati 35 miliardi) e un’ulteriore lieve flessione del margine..

After the story ran around the country, we got swamped with calls. Within the first three or four weeks after the story was published, we probably got 150 people that called who had said they’d either lived in Libby, or their loved ones had lived in Libby, or they had worked on the mine or the dam project, and that they think they had asbestos related diseases, or that their loved ones had died of asbestos related diseases. By early 2000, we had a pretty good idea that the number of people that actually had died of this disease, who had died because of exposure to tremolite, could easily be 200 to 400 people..

Lascia un commento